E banner esposizione Padre Maestro Lucera padre Maestro
News       Pubblicata il
NEWS


CANILE COMUNALE: MENO SOLDI STESSA QUALITÀ E POSTI DI LAVORO


CANILE COMUNALE: MENO SOLDI  STESSA QUALITÀ E POSTI DI LAVORO

CANILE COMUNALE: MENO SOLDI STESSA QUALITÀ E POSTI DI LAVORO

La gestione a una ditta barese. Risparmi per quasi 200mila euro all’anno. Nunzia Canistro: «Ottenuto il massimo risultato. Ora più fondi per le attività del Comune»
SAN GIOVANNI ROTONDO – Un risparmio di quasi 200mila euro all’anno, garantendo però stessa qualità dei servizi e salvaguardia dei posti di lavoro.
Cambio di passo nella gestione del canile comunale. Dopo la conclusione della procedura concordata, alla quale sono state invitate 3 ditte, la struttura comunale sarà gestita dalla Mapia srl, società che attualmente gestisce anche in canile comunale di Bari.
«Abbiamo ottenuto il massimo risultato, mettendo mano a una situazione non semplice da gestire, visto che dovevamo tenere conto di vari fattori e garantire la qualità del servizio offerto. Siamo partiti da un punto: non era più sostenibile per le casse comunali le spese di gestione del canile comunale, costato negli ultimi dieci anni quasi 3 milioni di euro. Abbiamo, quindi, attivato procedure di gara che abbassando i costi, facessero salvi qualità dell’offerta e tutela dei posti di lavoro. Devo ringraziare il lavoro degli uffici comunali che ha permesso di portare avanti e risolvere una questione non facile, alimentata da dichiarazioni e prese di posizioni non rispondenti alla realtà dei fatti», sostiene l’assessora Nunzia Canistro.
Non c’è stato, dunque, nessun declassamento del canile comunale, «solo una razionalizzazione della spesa che consentirà al Comune di utilizzare più fondi per altre attività. Insomma, abbiamo mantenuto il canile, tutelati i posti di lavoro e anche risparmiato, ma c’è qualcuno che si lamenta, forse perché abituato male in passato. Il tempo degli sperperi è finito. Ora si deve puntare a qualità dei servizi, costi contenuti ma efficacia della macchina comunale, anche per il canile», conclude Canistro.

Torna indietro
Stampa
powered by: mediaweb graphic