Conad Lucera banner esposizione Schiavone pneumatici Lucera




Cronaca       Pubblicata il
VIDEO


Carabinieri arrestano 3 persone, rubano auto e aggrediscono custode per fuggire


Descrizione

SAN FERDINANDO DI PUGLIA (BT): RUBARONO AUTO E AGGREDIRONO CUSTODE PER FUGGIRE. ARRESTATI

I Carabinieri della Compagnia di Cerignola hanno arrestato tre persone ritenute responsabili di rapina impropria aggravata in concorso. Si tratta di un 34enne di San Ferdinando di Puglia, di un 31enne e di un 29enne di Trinitapoli, tutti già noti alle forze dell’ordine.
Il 2 marzo 2018, a San Ferdinando di Puglia, un uomo, mentre si trovava all’interno del proprio garage, ubicato in un parcheggio privato, ed aveva parcheggiato fuori la propria Lancia Delta con le chiavi inserite nel quadro di accensione, fu avvicinato da una persona a lui conosciuta, che gli chiese delle informazioni. In quel frangente, l’uomo si accorse che la sua auto era stata appena derubata e quindi gridò al custode del parcheggio di chiudere il cancello, per impedire l’uscita di qualsiasi macchina. Il custode tuttavia non riuscì ad impedire la fuga di due autovetture, tra cui quella appena rubata ed una Fiat Punto, perché da quest’ultima uscirono i tre occupanti che gli si avvicinarono con fare minaccioso. Uno di questi lo strattonò per impossessarsi delle chiavi del cancello e, vista la resistenza del custode, gli intimò di aprire subito il cancello, dicendo che loro “non c’entravano niente”. Dopodiché i tre si dileguarono a bordo delle due auto.
Le immediate indagini svolte dai Carabinieri della Stazione di San Ferdinando di Puglia sotto la costante direzione della Procura della Repubblica di Foggia, hanno consentito, anche grazie alla acquisizione dei filmati della videosorveglianza, di ricostruire la dinamica dei fatti e di raccogliere gravi indizi di colpevolezza a carico dei presunti autori della rapina impropria. Su richiesta della locale Procura della Repubblica, il Gip del Tribunale di Foggia ha quindi emesso una ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari nei confronti dei tre. Questi, arrestati dai Carabinieri alcuni giorni fa, sono stati sottoposti agli arresti domiciliari nelle rispettive abitazioni.

Torna indietro
Stampa
powered by: mediaweb graphic
APRI »