Spazio disponibile banner disponibile banner disponibile banner disponibile




Politica       Pubblicata il
NEWS


Tour in Capitanata del presidente nazionale di Coraggio Italia Luigi Brugnaro




Tour in Capitanata del presidente nazionale di Coraggio Italia Luigi Brugnaro Tour in Capitanata del presidente nazionale di Coraggio Italia Luigi Brugnaro Tour in Capitanata del presidente nazionale di Coraggio Italia Luigi Brugnaro

Tour in Capitanata del presidente nazionale di Coraggio Italia Luigi Brugnaro

Il presidente nazionale di “Coraggio Italia”, Luigi Brugnaro, che è anche sindaco di Venezia, ha compiuto un breve tour elettorale in Capitanata, questo pomeriggio, per sostenere i candidati della lista “Noi Moderati”.

La visita è iniziata a Foggia, con l’inaugurazione del comitato elettorale di “Noi Moderati”, in corso Giannone 51, e il successivo incontro con il pubblico, introdotto dal coordinatore provinciale della lista, Antonello Di Paola.

Per le consultazioni politiche del 25 settembre, “Noi Moderati” propone, in rappresentanza della Capitanata, alla Camera (collegio plurinominale Puglia 01 Foggia-Cerignola-Andria), l’on. Antonio Tasso di Manfredonia. Al primo posto in lista c’è Martina Semenzato -candidata anche in Veneto e in Piemonte- che era presente alla inaugurazione del comitato.

Candidato al Senato nel collegio plurinominale Puglia, c’è un foggiano: il dott. Umberto Candela, già consigliere comunale e assessore a Foggia nei due mandati del sindaco Paolo Agostinacchio.

Brugnaro è stato un fiume in piena e per mezz’ora ha elencato le proposte concrete del suo gruppo politico per affrontare i problemi urgenti del Paese, con puntate decise sul lavoro, sul sostegno delle famiglie, sulla lotta al decremento demografico, sull’impiego di energie rinnovabili (“ho visto tante pale eoliche disseminate sul territorio, ma lo Stato e le aziende produttrici devono concedere ristori concreti e consistenti alle comunità che le ospitano”), sullo smaltimento dei rifiuti urbani, supporti per le assunzioni di giovani, sul controllo dell’immigrazione attraverso la formazione nei Paesi di provenienza e l’importazione della forza lavoro necessaria con permessi di soggiorno limitati nel tempo, sulla promozione dello Sport a partire dall’attività giovanile (“i giovani non devono imparare come vincere a tutti i costi, ma come rialzarsi dopo una sconfitta, individuando i propri errori e correggendoli”).

Ha marcato le differenze di impostazione con altri partiti della coalizione di centrodestra: “Siamo moderati e vogliamo restare in Europa. Ma le istituzioni comunitarie devono rispettare le nostre peculiarità. Non possono varare normative che penalizzano l’Italia e mortificano settori fondamentali della nostra economia”. “Non vogliamo abolire il reddito di cittadinanza ma ridimensionarlo per reinvestire le risorse risparmiate nella defiscalizzazione del lavoro giovanile”.

Per centrare gli obiettivi, per Brugnaro, occorre puntare sulle competenze e capacità dei politici chiamati a rappresentare queste istanze, nel Paese e negli organi sovranazionali. Devono essere coinvolte le tante eccellenze amministrative italiane: i tanti sindaci, ad esempio, che hanno dimostrato di saper risolvere i problemi dei propri territori e che devono continuare a dare il loro contributo nelle attività delle pubbliche istituzioni.

Qualche ricetta specifica e concreta anche per la Puglia: sfruttare meglio le risorse turistiche, incrementare le opportunità delle imprese pugliesi (“ne avete tante di altissimo livello”) favorendo la loro proiezione sui mercati internazionali, difendere comparti di grande tradizione e valore, specialmente la pesca e l’agricoltura, che soffrono concorrenze sleali a cause di leggi europee inique.

“Abbiamo scelto rappresentanti validi in tutte le aree della Puglia –ha concluso Brugnaro, contando sull’esperienza dimostrata in campi fondamentali per favorire il benessere delle comunità. Il nostro obiettivo non è di corto respiro: abbiamo dato vita ad una formazione politica che mette in campo energie positive per offrire risposte ai bisogni dei cittadini anche in futuro. Vogliamo dare continuità ai nostri progetti: non promesse che si dimenticano dopo le elezioni ma provvedimenti concreti, pensati per risultati di lungo periodo, per lasciare ai nostri figli e nipoti un mondo dove possano vivere più felici”.

Il presidente di Coraggio Italia si è congedato sottolineato la presenza all’inaugurazione di altri candidati di anche di altri collegi pugliesi, come Soccorsa Chiarappa di San Severo (in lista nel collegio plurinominale P02 Molfetta-Bari) e del coordinatore provinciale di Foggia dell’Udc, Francesco D’Innocenzio, a testimonianza dell’intesa sul territorio con il partito di Cesa.

Il tour di Brugnaro si è concluso con un incontro a Manfredonia

Torna indietro
Stampa
powered by: mediaweb graphic
APRI »