banner esposizione Padre Maestro Lucera padre Maestro
Sociale       Pubblicata il
VIDEO


'Siamo uomini o caporali' convegno Adoc


Descrizione

'Siamo uomini o caporali' convegno Adoc

Si è svolto presso la “Sala Rosa” del Palazzetto dell’Arte, il convegno organizzato dall’Adoc nazionale in collaborazione con l’Adoc Foggia “Siamo uomini o caporali”.

Oresenti Pino Salamon, Presidente Adoc Puglia, Antonio Balzano, Direttore Inps Foggia, Roberto Tascini, Presidente Adoc Nazionale, Gianni Ricci, Segretario Generale Uil Foggia, Iolanda Rolli, Commissaria prefettizia straordinaria per l’emergenza immigrazione nell’area di Manfredonia, Franco Busto, Segretario Generale Uil Puglia, Sara Cervelli, Fotografa e coordinatrice della mostra fotografica. I lavori di chiusura sono stati affidati a Stefano Mantegazza, Segretario Generale Uila Nazionale.
I lavori sono stati moderati da Enzo Pizzolo, Presidente Adoc Foggia.
Obiettivo del convegno illustrare gli obiettivi e i risultati del progetto “Siamo uomini o caporali” realizzato dall’Adoc Nazionale in collaborazione con l’Adoc Foggia.
Al termine dell’evento, è stata inaugurata la mostra fotografica “Humans” realizzata da Sara Cervelli.
Il progetto “Siamo Uomini o Caporali” è finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, ed ha come obiettivo principale la promozione della legalità e della sicurezza nei rapporti di lavoro dei settori agricolo, dell’edilizia e del manifatturiero, al fine di prevenire lo sfruttamento dei lavoratori, soprattutto immigrati, e offrire un’importante supporto alle persone impiegate in lavori stagionali, sottopagati e sfruttati attraverso servizi di informazione e assistenza che portino alla denuncia del “caporale”, ma anche servizi di intermediazione lavorativa, attraverso la collaborazione con aziende che intendono aderire al progetto, che favoriscano il regolare inserimento nel mondo del lavoro. Altri obiettivi del progetto sono: creare un sistema rete che possa offrire informazioni per la regolare assunzione dei lavoratori stagionali; creare un sistema di collaborazione tra le sedi territoriali ADOC e gli stakeholders territoriali che già svolgono attività al fine di contrastare il fenomeno e aziende in grado di offrire accesso a regolari assunzioni lavorative; individuare e diffondere pratiche per la valorizzazione delle aziende impegnate nelle attività di contrasto del caporalato, anche attraverso percorsi di integrazione dei lavoratori; eventi per promuovere i prodotti doc e certificati, con personale esperto che indichi come rilevare i prodotti illegali.

Torna indietro
Stampa
powered by: mediaweb graphic