banner esposizione Padre Maestro Lucera padre Maestro
News       Pubblicata il
NEWS


Carabinieri senza sosta nei controlli nell'Alto Tavoliere e Gargano


Carabinieri senza sosta nei controlli nell'Alto Tavoliere e Gargano

SAN SEVERO: PROSEGUONO SENZA SOSTA I CONTROLLI DEI CARABINIERI NELL’ALTO TAVOLIERE E NEL GARGANO.
UN ARRESTO E TRE DENUNCE PER DETENZIONE AI FINI SPACCIO DI 5 CHILI DI MARIJUANA, RICETTAZIONE E DETENZIONE DI UN'ARMA CON RELATIVO MUNIZIONAMENTO.

Continuano pressanti i controlli dei militari della Compagnia Carabinieri di San Severo, già intensificati sia nei centri urbani che nelle aree di campagna, ed in particolare in quelle più sensibili del Gargano, volti sia alla prevenzione che alla repressione dei reati.
A Serracapriola e Torremaggiore i Carabinieri negli ultimi giorni hanno dedicato un'attenzione particolare.
E proprio nei territori di quei comuni i militari delle rispettive Stazioni, con il supporto di personale dello Squadrone Eliportato Cacciatori Puglia, all'esito di mirati servizi di osservazione e pedinamento, ieri hanno tratto in arresto per detenzione di sostanze stupefacenti e di una pistola illegalmente detenuta CISTONE Antonio, cl. '81, di Torremaggiore, censurato. I Carabinieri, infatti, nel corso di una prolungata perquisizione, che si è estesa dall'abitazione dell'interessato, dove erano stati trovati due grammi di cocaina, all'azienda agricola di famiglia, in località Iaccio di Volpe di Serracapriola, hanno rinvenuto e sottoposto a sequestro:
- 5 chilogrammi di marijuana e una bilancia elettronica;
- 1 pistola calibro 7,65 marca Beretta, completa di caricatore con otto cartucce, risultata rubata nel dicembre del 1986;
- 524 cartucce per fucile calibro 12 e 30;
- un trattore agricolo Landini, poi restituito al proprietario che ne aveva denunciato il furto presso la Stazione Carabinieri di San Severo l’11 febbraio 2004;
- 5 coppie di targhe la cui esatta provenienza è in corso di accertamento.
Tutto il materiale è stato sottoposto a sequestro, mentre l’arrestato è stato associato presso la casa circondariale di Foggia, a disposizione dell'Autorità Giudiziaria, alla quale altre tre persone, che erano nella disponibilità di tutto il materiale sequestrato, ad eccezione dello stupefacente, sono state denunciate.

Torna indietro
Stampa
powered by: mediaweb graphic